Traduttore

sabato 6 gennaio 2018

Minestrone

Ingredienti:
  • 1 cipolla
  • 2 carote
  • 2 gambi di sedano
  • 2 patate
  • 150 grammi di cavololfiore
  • 150 grammi di verza/bieta
  • 150 grammi di zucca
  • 1 rapa
  • 150 grammi di piselli secchi (messi a mollo la sera prima)
  • 200 grammi di fagioli borlotti secchi (messi a mollo la sera prima)
  • 1 spicchio di aglio
  • prezzemolo, timo, salvia (quanto basta)
  • olio extravergine di oliva (quanto basta)
  • sale e pepe (quanto basta)
Preparazione: lavare, sbucciare e tagliare a cubetti sedano, carote e cipolla. In una padella antiaderente iniziare a rosolare, a fiamma alta, con olio extravergine di oliva e un po' di sale, il sedano, le carote e la cipolla che, appena sarà un pochino dorata, aggiungere le patate, la rapa, la zucca tagliata a piccoli dadini e i fagioli borlotti precedentemente messi in ammollo. Per qualche minuto lasciare rosolare a fuoco moderato poi, aggiungere un bicchiere di acqua (o di brodo vegetale), abbassare la fiamma e aspettare alcuni minuti fino a quando non riprende il bollore, aggiungere quindi le verdure in foglia tagliate grossolanamente, i ciuffetti di cavolfiore e i piselli messi a mollo precedentemente. Aggiungere un pizzico di sale e unire acqua fino a coprire tutte le verdure oppure se si utilizza il brodo vegetale è meglio non salare e coprire con esso. Dopo aver coperto il tegame e abbassato un pochino la fiamma, far cuocere per 50 minuti girando ogni tanto e, se è necessario, aggiungere un mestolo di acqua o brodo vegetale se, il minestrone si sta asciugando troppo. 

domenica 31 dicembre 2017

Frutta Secca

Ha circa l'80% di acqua, meno della frutta fresca, quindi fornisce più calorie e una concentrazione maggiore di sostanze nutritive. La frutta secca, grazie al suo dolce naturale legato al fruttosio, può sostituire lo zucchero, perchè ha un indice glicemico più basso e non fornisce solo calorie "vuote". Al contrario: è una buona sorgente di minerali, fra cui potassio, calcio, ferro e rame. La frutta secca distribuisce preziose fibre solubili, in particolare i fruttoligosaccaridi (FOS), in grado di regolare l'assorbimento dei principi nutritivi e di facilitare la crescita della flora intestinale benefica. Ha diversi principi attivi presenti anche nella frutta fresca, per esempio i fenoli dell'uva e i caroteni delle albicocche che le danno proprietà antiossidanti e protettrici. La frutta secca ha un altro vantaggio, a differenza di zucchero e dolci convenzionali, ha un effetto alcalinizzante e contribuisce a riequilibrare il PH del sangue, con un azione depurativa. E' un efficace ingrediente per prevenire l'osteoporosi mentre, nel corso della gravidanza e l'allattamento, contrasta stipsi, diabete e sovrappeso. Ideale per la prima colazione o la merenda anche miscelata a piccole quantità di semi oleosi (noci e nocciole) è sempre gradita da tutti. Regala energia durante un'intensa attività fisica, o mentale, accompagnata da abbondanti quantità di liquidi. Trenta grammi al giorno sono sufficienti per godere dei suoi benefici. 

Essiccare è un Arte

E' un antichissimo sistema di conservazione. In passato veniva fatto in maniera rudimentale ma oggi, l'essiccazione è diventata un arte basata sulla tecnologia e permette di mantenere inalterate alcune sostanze preziose del cibo, come gli enzimi. L'essiccazione si può effettuare senza strumenti particolari: basta l'aria per diminuire a poco a poco il contenuto di acqua del cibo, migliorando la sua conservabilità. In passato, precedenti all'invenzione del fuoco, i nostri antenati devono averla scoperta casualmente e, in mancanza di qualsiasi altro strumento di conservazione, l'hanno poi usata per la loro sopravvivenza. Per millenni l'essiccazione ha sviluppato le sue radici nelle nostre tradizioni culinarie. Nei paesi dell'area mediterranea, ancora oggi, pomodori, fichi, susine, albicocche e uva sono esposti all'aperto, alla calda aria estiva, in maniera da conservarli per l'inverno.