Traduttore

lunedì 13 novembre 2017

La Medicina Tradizionale Cinese e la Sindrome premestruale

Per la Medicina Tradizionale Cinese bisogna depurare Fegato e Reni. La Medicina Cinese afferma che la Sindrome premestruale è dovuta a un ricorrente eccessivo di Qi (energia) e sangue nei due Extra Meridiani, il Ren Mai o Vaso Concezione e il Chong Mai o il Thoroughfare VesselVaso Assalto, entrambi originali nell'utero e in stretta correlazione con Fegato e Rene (i Meridiani coinvolti nello sviluppo mestruale). Essendo questi due extra Meridiani essenziali per l'equilibrio di tutti gli altri (il primo controlla i meridiani yin, tra cui Fegato e Reni, il secondo dona l'afflusso di Qi e sangue in tutti i 12 Meridiani e organi collegati), questo eccesso di energia comporta un disturbo momentaneo non solo nell'utero in cui si forma, ma in tutti gli altri organi, dando origine alla pluralità di sintomi che conosciamo. Per la Medicina Tradizionale Cinese, prestare attenzione a Fegato e Reni (depurando il primo e rafforzando i secondi) è cruciale per assicurarsi un ciclo mestruale fluido e senza le stagnazioni energetiche che a livello sintomatico si traducono in crampi, cambi d'umore, poca energia fisica e che, togliendosi in maniera irregolare nei due ExtraMeridiani, danno poi origine alla Sindrome premestruale.   

La Sindrome premestruale

Almeno quattro donne su dieci soffrono della sindrome premestruale (i classici disturbi prima del ciclo). A provocare i fastidi possono essere anche le carenze di vitamine e sali minerali. Questo fenomeno si manifesta ogni mese, in particolare nei giorni che precedono il ciclo. Si accusa gonfiore addominale (pancetta), mal di testa, ritenzione idrica, tensione mammaria, piccoli brufoli (specie sul mento e sul collo), forte aumento di peso, sbalzi di umore, crisi di pianto, voglia smisurata di dolci. Tutto questo può urtare l'equilibrio della vita famigliare, quello della vita lavorativa e il benessere personale. Per molte di noi è scontato pensare con rassegnazione, quando si presentano i sintomi, siamo nella fase della sindrome premestruale. Ma non è detto che debba essere così. Per affrontare questi comuni disturbi, molte donne si affidano ai farmaci quando invece, spesso, basterebbe apportare qualche piccolo cambiamento nelle proprie abitudini alimentari e nello stile di vita, per attenuarli. Nel cibo si trova il migliore alleato in grado di donare nutrienti preziosi adatti per l'umore e il cervello come il "triptofano, gli Omega 3 e il magnesio", un minerale veramente essenziale. 
5 passi fondamentali per togliere i principali disturbi del ciclo.
  1. Dieta - seguire un'alimentazione leggera ed equilibrata ricca di magnesio e nutrienti.
  2. Esercizio fisico - 30-40 minuti di camminata o esercizio aerobico al giorno.
  3. Diminuire le fonti di stress - rivedere la maniera in cui si affronta la giornata lavorativa in quei giorni.
  4. Terapie complementari di rilassamento - praticare yoga, meditazione, agopuntura
  5. In erboristeria - un piccolo aiuto fitoterapico da AGNOCASTO, che aiuta l'ipofisi, ghiandola centrale nella regolazione ormonale e dalla radice di TARASSACO, che funziona come diuretico contro la ritenzione idrica e supporta il fegato. 

Shirataki

Molte fibre e niente zuccheri, sono un tipo di spaghetti ricavati dalla radice di Konjac a basso contenuto di carboidrati. Utili a chi è a dieta e per i diabetici. Alimento Nutraceutico (alimento - farmaco), gli shirataki sono degli spaghetti bianchi quasi trasparenti, simili ai comuni spaghetti ma la loro composizione varia. Fatti quasi esclusivamente di fibra, sono molto sazianti e con un indice glicemico basso. Quindi molto adatti a chi preferisce una alimentazione sana, con l'assunzione di pochi carboidrati e meno calorie senza rinunciare al piacere di mangiare un piatto di pasta e senza soffrire troppo la fame. Piccolo trucco per rendere i shirataki ancora più appetitosi è quello di rimuovere l'acqua di conservazione dalle confezioni, risciacquarli con acqua fredda, salarli poco e cuocerli a vapore per pochi minuti prima di condirli. Per avvicinarli al sapore degli spaghetti "originali" gli chef consigliano di lasciarli in ammollo tutta una notte nella salsa di pomodoro.