Traduttore

giovedì 31 marzo 2016

Shiitake....il fungo medicinale antivirus

Il Shiitake il fungo medicinale che contrasta le infezioni, rinforza le difese immunitarie e diminuisce il colesterolo. E' risultato uno dei funghi medicinali più potenti, stimato in cucina per il suo gusto intenso, quasi affumicato, è possibile trovarlo fresco, secco, sotto vetro o come integratore, in pillole. E' un ottimo disinfettante per la bocca e la gola, lo shiitake protegge la bocca dalle infezioni che causano gengiviti, ascessi e infiammazioni. Può essere adatto anche per la prevenzione della carie perchè blocca la proliferazione dei batteri che la favoriscono. Cura il mal di gola e i disturbi che colpiscono le vie respiratorie. La medicina tradizionale cinese crede che lo shiitake, sia fresco, sia essiccato potrebbe essere utile a stimolare il Qi, l'energia vitale. Alcune ricerche hanno constatato che in questo fungo, si possono trovare diversi nutrienti e sostanze benefiche come i minerali (ferro, potassio, zinco e germanio (elemento chimico), le vitamine, i grassi insaturi che diminuiscono il colesterolo, gli antiossidanti e in particolare il lentinano (polisaccaride dotato di proprietà immunostimolanti). Grazie a queste sostanze, consumare il shiitake ci aiuta a proteggerci dagli attacchi batterici e virali, nell'organismo.  

mercoledì 30 marzo 2016

Indice Glicemico

L'indice glicemico di un'alimento, rappresenta la velocità con la quale aumenta la glicemia (concentrazione di glucosio) nel sangue. Tutti i carboidrati e gli zuccheri che l'organismo assorbe con il cibo, vengono trasformati in glucosio. Infatti, la sua maggiore o minore presenza nel sangue, influenza la glicemia che raggiunge picchi molto alti, durante il pasto. Gli alimenti che potrebbero alzare la glicemia avendo un indice glicemico alto sono: i cibi raffinati come il pane e la pasta, lo zucchero, le bibite, i dolci e il riso. Al contrario, se nell'alimentazione vengono introdotti i carboidrati complessi, ricchi di fibre (pasta, pane e riso integrali), gli ortaggi e la frutta fresca, il livello di glicemia rimane stabile. Quando, la glicemia supera i livelli normali, esorta il Pancreas (in particolare le cellule di Langerhans) a diffondere insulina, un ormone che mantiene normali i livelli di zucchero nel sangue. Più l'alimentazione è ricca di cibi con un indice glicemico alto, più l'organismo deve lavorare di continuo per mantenere questo meccanismo. La continua richiesta di insulina per far fronte all'aumento di glicemia, con il tempo rischia di rallentare e di fermare il lavoro delle cellule di Langerhans. I livelli alti di glicemia che si ripetono spesso, nel corso della giornata, causano uno stato d'infiammazione cronica che è la causa dell'aumento del grasso addominale e delle principali malattie come il diabete di tipo II, patologie cardiovascolari e anche dei tumori. Un'alimentazione a basso indice glicemico mantiene giovane il cervello proteggendo le cellule celebrali, previene il grasso addominale, tiene lontano il diabete, abbassa la pressione arteriosa, rinforza le ossa e le articolazioni, diminuisce il rischio di tumore ed infine, potenzia le difese immunitarie.                                          

sabato 26 marzo 2016

Cavolo Riccio (Kale)

Ci siamo sempre chiesti se il cavolo riccio (kale) diminuisce il colesterolo? Ebbene si, il cavolo riccio è ritenuto dai nutrizionisti il supercibo del futuro per i suoi preziosi nutrienti. Uno dei suoi punti di forza è l'alto quantitativo di fibre (5 grammi per 100 grammi di alimento) che hanno anche una funzione anticolesterolo. Un recente studio ha confermato che bere ogni giorno, succo di cavolo riccio per 12 settimane di seguito, aumenta l'HDL (il colesterolo buono) del 27%, diminuisce l'LDL (il colesterolo cattivo) del 10% e aumenta il livello degli antiossidanti nell'organismo.  

giovedì 24 marzo 2016

Gli Asparagi

Sono il miglior detox perchè contengono Potassio, Acido Folico e Vitamina C. Drenanti e diuretici, gli asparagi sono utili per curare la ritenzione idrica e i cali di tono, durante il periodo primaverile. Questo è un ortaggio ricco di proprietà energizzanti, ci aiuta a liberare i tessuti dai liquidi stagnanti (accumulati durante la stagione invernale) e, a combattere la ritenzione idrica e la pelle a buccia d'arancia. Perchè mangiarli? Gli asparagi sono i più efficaci per il drenaggio degli organi nell'organismo. Sono un ottimo rimedio per eliminare le tossine accumulate in Inverno. Rappresentano un alimento alcalizzante che va a regolare l'equilibrio acido-basico del sangue, spesso alterato da un'alimentazione ricca di cibi acidi come le proteine animali (insaccati e carne rossa) e i dolci. Mangiare asparagi in Primavera, ci aiuteranno a sostenere il sistema immunitario indebolito dall'Inverno. Gli asparagi sono ricchi di Vitamina C (100 grammi contiene 25 mg di Vitamina C), di Carotenoidi ( i predecessori della Vitamina A, che favoriscono l'azione del Fegato) e delle Vitamine del gruppo B. Sono anti-ipertensivi perchè vengono classificati come dei diuretici naturali, visto che hanno tanto Potassio e poco Sodio. Mangiati regolarmente aiutano a togliere l'acqua che ristagna nei tessuti e combattono l'ipertensione. L'asparagina è un aminoacido contenuto negli asparagi che aiuta l'organismo ad espellere il Sodio (sale) in eccesso. Gli asparagi hanno il più potente antiossidante, stiamo parlando del glutatione che, oltre a contrastare i radicali liberi e l'azione invecchiante dei raggi solari, rinforza il collagene e le arterie, aiutando l'organismo a smaltire i residui di farmaci, alcol e metalli tossici.  

martedì 22 marzo 2016

Cioccolato Amaro

Il cioccolato amaro fondente è considerato un efficace rimedio contro i sintomi della tosse. Lo afferma un recente studio europeo condotto su 163 pazienti cui si è fatto prendere una nuova medicina contenente cacao amaro. Questa notizia non è nuova, i ricercatori dell'Imperial College di Londra, guidati dal professor Alyn Morice, membro fondatore della Società Internazionale per lo studio della tosse, hanno scoperto che la teobromina, un alcaloide naturale delle piante di cacao e dei suoi derivati è più efficace della codeina, un ingrediente contenuto nei farmaci della tosse. Ne bastano 3 o 4 quadratini di cioccolata amara (al 70%) ogni giorno, per avere dei risultati benefici.

sabato 19 marzo 2016

Le Proteine

Sono i mattoni dell'organismo, le proteine insieme ai carboidrati e i grassi, permettono al nostro fisico di vivere e di rigenerarsi ogni giorno. Oggi, le proteine (legumi, carne, pesce) sono i nutrienti più amati e conosciuti, ma che molto spesso se ne fa troppo uso. Succede questo, perchè aiutano a costruire i muscoli facendo bruciare più calorie, rispetto ai grassi e carboidrati (pane e pasta). I'organismo utilizza il cibo come fonte di energia e poi come scorta. In mancanza di carboidrati e grassi, l'organismo utilizza le proteine. Se, in un regime alimentare si tolgono i carboidrati, nel corso del tempo si perderà la massa muscolare. Le proteine sono l'elemento essenziale per la nostra esistenza, la loro importanza biologica è famosa fin dalla metà dell'Ottocento infatti, sono importanti per la crescita, la riparazione, il buon funzionamento e la struttura di tutte le cellule dell'organismo e di quelle viventi. Tra le molte proteine dell'organismo, ricordiamo l'insulina (senza, non sarebbe possibile verificare i livelli di zucchero nel sangue) oppure gli enzimi, come ad esempio la amilasi, la lipasi e la proteasi senza i quali non sarebbe possibile digerire. Questi nutrienti sono formati da aminoacidi, una proteina media può averne anche più di 300, e ciascuna ha un proprio numero specifico di aminoacidi. Parlando delle proteine verdi, diciamo che sono una valida alternativa alla carne, ma con i giusti abbinamenti. Le proteine vegetali provengono dai legumi, dalla soia e derivati, dai cereali, dalla frutta e dai semi oleosi. Anche nelle proteine verdi troviamo tutti gli aminoacidi, sia quelli essenziali, sia quelli che il corpo può produrre. Le proteine formano il corpo e lo proteggono. Sono essenziali per la pelle, i capelli, i muscoli, producono ormoni, fanno parte del sistema immunitario. Una loro mancanza può provocare uno squilibrio nell'organismo e mettere a rischio la salute. Ecco perchè dovrebbero essere presenti in ogni pasto.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

giovedì 17 marzo 2016

Ortaggi Invernali

Gli ortaggi invernali sono indispensabili per trascorrere un inverno tutto in salute e prevenire o diminuire i sintomi delle malattie croniche che sono: il colesterolo, l'ipertensione, i dolori reumatici, la stipsi, il sovrappeso. Sono utili per contrastare i disturbi e le malattie di stagione, rafforzando le difese immunitarie. Disintossichiamo l'organismo con i salva fegato, adatti per ripulire il sangue, diminuire il colesterolo, l'ipertensione e combattere il sovrappeso. Sono: i carciofi, i cardi, la barbabietola, il radicchio rosso, le cime di rapa e i broccoli. Difendiamo l'organismo dalle bronchiti, mal di gola e sinusiti con gli antibiotici naturali (frutta e verdura), che aiutano a rafforzare le difese immunitarie e distruggere i batteri dannosi per il fisico, prevenendo cistiti, laringiti batteriche, bronchiti, sinusiti. Sono: la cipolla bianca, l'aglio, lo zenzero, il limone, l'arance e i mandarini. Rigeneriamo il cervello e il sistema nervoso con gli alleati del buonumore. Sono alimenti che forniscono i grassi buoni, le vitamine del gruppo B e il magnesio essenzialmente adatti per reggere il lavoro del cervello e del sistema nervoso, combattendo le piccole depressioni e l'ansia. Sono: le noci, i pistacchi e le castagne. Rassodiamo la pelle ed i muscoli con i tonificanti. Sono alimenti utili per mantenere tonici i tessuti e combattere il sovrappeso. Sono: le lenticchie, i ceci, i fagioli cannellini e i cavolini di Bruxelles. Per il problema della stipsi e i gonfiori, ci sono le migliori "cure verdi" per l'intestino, ideali in caso di stitichezza, gonfiori addominali e per la colite. Sono: il pak choi (ortaggio), la lattuga, la zucca, il riso integrale, i semi di lino e i finocchi. Per curare l'artrite, l'artrosi e i reumatismi usiamo gli antidolorifici naturali che hanno principi attivi antinfiammatori come lo zolfo, la curcumina e i polifenoli. Sono: la verza, il cavolo nero, la curcuma, l'olio d'oliva, il grano saraceno e il cavolo romanesco. Infine, lo scalogno, il peperoncino, la cicoria, le carote e la rucola sono gli ortaggi che si trovano tutto l'anno.                                         

martedì 15 marzo 2016

La Frittura

Un alimento immerso nell'olio extra vergine d'oliva assorbe meno grasso e risulta più buono e digeribile. Utilizzando poco olio il fritto è più leggero? La risposta è: NO. Se si frigge con poco olio, la frittura risulterà poco uniforme e il cibo unto. In verità, per un buon fritto leggero, che rechi meno danni alla salute, bisogna usare molto olio. Questa è una regola popolare, di provata efficacia che dice:"Utilizzare una quantità d'olio pari a 10 volte il peso dell'alimento da cuocere". Ad esempio, se si devono friggere 10 crocchette di patate da 40-50 grammi l'una, si può usare circa mezzo litro d'olio e friggerne 3-4 per volta. 

sabato 12 marzo 2016

La Carne

La Comunità Europea, in base ad una ricerca presentata al convegno Epidemiology and Prevention/Lifestyle 2015 dell'American Heart Association dichiara che una dieta semi-vegetariana (che non elimina del tutto la carne) allunga la vita, proteggendo l'apparato cardiocircolatorio. Fare un'alimentazione di questo tipo prevede l'aumento della quantità di origine vegetale rispetto a quella di origine animale. La ricerca ha coinvolto circa 500 mila persone di dieci diversi paesi, per la quale lo stato di salute è stato monitorato per 12 anni. Alla fine di questo periodo di osservazione, si è rilevato che una dieta giornaliera in cui almeno il 70% degli alimenti sia di origine vegetale è associata a una diminuzione del 20% del rischio di morire, a causa di una patologia cardiovascolare. 

giovedì 10 marzo 2016

Kiwi

Aiuta le difese immunitarie, diminuisce la pressione arteriosa, regolarizza l'intestino, il kiwi è un frutto eccezionale per la sua azione antivirale e antiossidante. Lo afferma uno studio scientifico infatti, il kiwi è anche un rimedio naturale antipertensivo (riduce l'ipertensione) e salva il cuore. Le principali sostanze attive del kiwi sono le sue fibre solubili e insolubili anti stipsi e anti emorroidi, la vitamina C e i polifenoli antiossidanti. Grazie a questo gruppo di sostanze, il kiwi potenzia le difese immunitarie e previene l'influenza e le malattie infettive. Inoltre, contrasta l'abbondanza dei radicali liberi, l'invecchiamento (dolori articolari, i reumatismi, il morbo di Alzheimer, la demenza senile e la cataratta), rafforza i capillari, contrasta l'aterosclerosi e l'ipertensione sanguigna. Il kiwi contiene un enzima, l'actinidia che migliora la digestione delle proteine. Utilizzato sotto forma di succo, il kiwi è considerato un ottimo integratore di fibre liquide prebiotiche che favoriscono la normalizzazione dell'intestino in presenza sia di stipsi che di diarrea (tipico della sindrome del colon irritabile) e della rigenerazione della microflora intestinale. Per combattere la stitichezza e l'invecchiamento, bastano tre kiwi a colazione, per digerire i pasti ricchi di proteine, bastano 100 grammi di kiwi (polpa) prima dei pasti, bere un bicchiere al giorno di succo di kiwi con una punta di zenzero, aiuta a risvegliare il metabolismo lento ed infine, per contrastare la psoriasi e le occhiaie, basta utilizzare l'olio, estratto dai semi di kiwi si usa per fare un trattamento  rigenerante della pelle. Per i dolori articolari, utilizza il macerato glicemico di gemme di kiwi (si acquista in farmacia o in erboristeria) e assumine 25 gocce per 3 volte al giorno, 15 minuti prima dei pasti principali (pranzo e cena) con poca acqua a temperatura ambiente. Continua il trattamento per 1-2 mesi. 

martedì 8 marzo 2016

Bacche di Goji e Vino Rosso


  • Bacche di Goji: sono conosciute come i "frutti della longevità" per via dell'alto potere antiossidante che hanno. Inoltre, svolgono un'azione protettiva del DNA cellulare, prevenendo trasformazioni, danni e lesioni. Le bacche di Goji contengono tra gli altri elementi come l'acido ellagico che, oltre ad essere un'importante antiossidante, è un antitumorale, un antinfiammatorio e un antipatogeno. Le bacche di Goji hanno proprietà sazianti e possiedono un basso potere glicemico (circa 28), quindi sono utili nelle quantità indicate (30 grammi al giorno) anche ai diabetici. Il Goji è ricco di polisaccaridi e di betaina, sostanze in grado di riparare il DNA danneggiato. Rigenerano la pelle, riducendo la pressione arteriosa e possono avere proprietà snellenti. Questi frutti rossi hanno la proprietà di potenziare l'azione del sistema immunitario e di intensificare le funzioni, essenziali per la difesa dell'organismo.
  • Vino Rosso: ha una rilevante azione cardioprotettiva perchè fa bene al cuore, alla pelle e alle cellule. Recenti studi epidemiologi e ricerche condotte sull'essere umano hanno dimostrato che, il vino rosso diminuisce il rischio di arteriosclerosi coronarica. Altre ricerche scientifiche hanno provato che i polifenoli del vino possiedono una forte azione  antiossidante capace di fermare la formazione di colesterolo cattivo (LDL). Gli studiosi sembrano tutti d'accordo  nel riconoscere tale importante azione terapeutica soprattutto al resveratrolo, un composto contenuto nella buccia dell'uva che da al frutto la capacità di difendersi dalle infezioni da funghi, che protegge il DNA umano dai cambiamenti e che è 10 - 20 volte più potente della vitamina E nel combattere il colesterolo cattivo. Due bicchieri di vino al giorno è la giusta quantità per godere dell'azione antiossidante e cardioprotettiva della bevanda. 200 mg è la dose giornaliera di resveratrolo da prendere sotto forma di integratore (1-2 capsule), oppure assumerlo per mezzo dell'uva nera, rossa o del vino.   

sabato 5 marzo 2016

Spumante analcolico Detox

Per fare questa deliziosa bevanda occorre il succo di mela (senza zuccheri aggiunti), ricco di potassio e dall'azione drenante. Si aggiunge il succo estratto dalla polpa di ananas fresco (ricco di sostanze utili per la diuresi e la depurazione), il succo di limone detossinante e il bicarbonato anti acidità. Un mixer perfetto ideale da bere a fine pasto, per festeggiare qualsiasi ricorrenza in vigore.
Ingredienti per 4 persone:

  • Succo di mela - 300 ml
  • Ananas fresco - 200 grammi di polpa
  • Succo di limone - 20 ml
  • Menta - qualche foglia 
  • Bicarbonato - un pizzico

giovedì 3 marzo 2016

Il Limone

Un agrume straordinario per i suoi principi attivi che rigenerano lo stomaco, attivano i processi digestivi e i suoi acidi organici (l'acido citrico cioè la vitamina C e l'acido malico) collaborano ad alleviare il mal di stomaco, bruciori e la gastrite, combattendo l'azione dei succhi gastrici grazie ad una reazione chimica che conduce alla produzione di carbonati e bicarbonati, sostanze anti acidità. La vitamina C del limone è adatta anche per facilitare la produzione di collagene, una proteina che tonifica i tessuti. Il limone è un ottima fonte di rutina, che protegge gli occhi e di antiossidanti che difendono dai tumori, in modo particolare al fegato, al pancreas, allo stomaco e all'intestino. L'acido citrico del limone diminuisce il colesterolo "cattivo" (LDL), cura il corpo e la mente, vincendo lo stress e l'insonnia. Grazie ai suoi principi attivi, il limone è impiegato anche nella lotta al sovrappeso. 

martedì 1 marzo 2016

Burro

Il burro è concesso in una dieta sana e naturale? Ebbene si. Perchè è formato da grassi saturi di provenienza animale ed ha un alto contenuto di colesterolo ma, se viene utilizzato nella maniera corretta e senza eccedere con le quantità, può tranquillamente entrare a far parte della nostra alimentazione. Per usufruire al meglio delle sue proprietà, basta utilizzarlo a crudo (facendolo sciogliere sul cibo ancora caldo) e scegliere una qualità di burro con il 50% in meno di grassi e senza lattosio. Si consiglia di usare il burro a crudo, ottimo per condire la pasta, il riso ed altri alimenti, nella quantità di 10 grammi a porzione, non fa male!